Fare Blogging con i Social Media: Linkedin Pulse e Facebook Note

No Comments

social blogging

Lo so. Il titolo è provocatorio: sappiamo tutti che per “fare blogging” bisogna avere un blog.

Ma cosa si intende per blog? Possiamo ridurlo ad un semplice strumento tecnico come WordPress o Blogger?

Probabilmente NO. Ma per fare blogging a certi livelli c’è bisogno di piattaforme complete e funzionali che siano in grado di supportare tutti i tuoi obiettivi, compresi quelli economici.

Oggi però voglio parlarti dei Social Media e di come questi strumenti stiano cercando di sostituirsi sempre più al classico blog autogestito. Focalizzerò l’attenzione su due social in particolare: Linkedin e Facebook.

Linkedin Pulse: la casa del personal branding

Da poco più di un anno Linkedin ha reso disponibile Linkedin Pulse, il blog personale per tutti gli utenti iscritti al social professionale. Se non lo hai mai visto o non trovi come accedervi è perché Linkedin ha posto una limitazione. Pulse è disponibile solamente per chi ha l’interfaccia settata in lingua inglese. Niente paura, con pochi click dalle tue impostazioni potrai cambiare lingua e cominciare a sfruttare questo strumento!

Perché usare Linkedin Pulse?

Pulse è una piattaforma completamente gratuita che ti permette di condividere automaticamente con tutta la tua rete professionale di Linkedin gli articoli che pubblichi. Questo ti consentirà di lavorare sulla condivisione del tuo sapere che rafforzerà così la tua autorevolezza… In poche parole è uno strumento potentissimo per fare del sano personal branding. Il tutto velocemente e senza problemi di natura tecnica. L’editor per scrivere i post è molto semplice e intuitivo e presenta le opzioni di formattazioni essenziali (headline, paragrafi, inserimento di immagini, link, video).

Per attirare lettori sul proprio blog solitamente si attuano varie azioni, tra le quali figura la SEO, ovvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Niente paura, anche se non puoi svolgere tutte le classiche ottimizzazioni SEO, ogni articolo postato su Pulse viene indicizzato da Google, proprio come gli articoli che posti sul tuo blog WordPress!

esempio di articolo su Linkedin Pulse

Esempio di articolo pubblicato su Linkedin Pulse

Facebook Note: condividi et impera

Da pochi mesi il più grande colosso dei Social Media ha aggiornato le sue Note. Chi usa Facebook da diversi anni si sarà accorto che un tempo c’erano persone che condividevano pensieri lunghi sotto forma di note. Questa prassi però è diventata obsoleta in poco tempo: le piattaforme di blogging e social blogging hanno sopperito al bisogno di personalizzazione che le note di Facebook non soddisfacevano.

Un recente aggiornamento però ha portato le Facebook Note ad essere nuovamente uno strumento interessante. La struttura delle note è diventata molto più simile a quella di un post di blog (o di un articolo di Linkedin Pulse). Ora è possibile aggiungere un’immagine di copertina e formattare il testo. Inoltre le note vengono visualizzate in modo più attraente anche nel newsfeed attirando a sé più click.

Come usare questi strumenti / integrare nella strategia

Sia Linkedin Pulse che Facebook Note cercano di ricalcare gli schemi delle piattaforme di social blogging come Tumblr e Medium. A differenza dei due appena citati però, Linkedin e Facebook presentano dei vantaggi:

  • Linkedin: essendo il social network professionale più usato al mondo, pubblicare articoli su Linkedin Pulse ci permetterà di raggiungere un target estremamente profilato e professionale. In questo modo potremmo migliorare la nostra reputazione fra gli addetti ai lavori, creando nuove possibilità e contatti lavorativi;
  • Facebook: chi non possiede un profilo su Facebook? Praticamente tutti! Se è vero che le persone cercano sopratutto svago e contatti con i propri amici, su FB è possibile raggiungere un target molto ampio. Quello che dobbiamo fare è scegliere il corretto tone of voice, rispetto al target di riferimento, così da essere più vicini a quello che le persone cercano sul social. La condivisione sarà la chiave del tuo successo: raggiungi più persone possibili!

In entrambi i casi il mio consiglio è quello di stilare un calendario editoriale ad hoc per sfruttare al massimo le potenzialità delle piattaforme.

Se gestisci un blog WordPress non usare Linkedin Pulse e Facebook Note per copiare ed incollare un’anteprima del tuo ultimo articolo. Le persone consultano già i feed RSS e non hanno voglia di leggere contenuti duplicati. Piuttosto cerca di essere coerente col canale scelto e scrivi sempre contenuti originali!

La tua opinione

Insomma, si può fare veramente blogging senza un CMS autogestito come WordPress? Per adesso sono ancora convinto di no. Il blog personale è uno strumento che ti permette di ottimizzare ogni singolo dettaglio nel migliore dei modi. Attraverso il social blogging però possiamo rafforzare il nostro brand personale e raggiungere un’audience più elevata.

Tu cosa ne pensi di queste due strumenti? Usi già Linkedin Pulse e Facebook Note per la tua strategia di web marketing? Fammi sapere le tue opinioni nei commenti, sarò felice di risponderti.

Lavora nel campo della Comunicazione, New Media e Web Marketing. Studente di "Comunicazione Pubblica e d’Impresa” presso l'università La Sapienza di Roma, blogger e musicista.

No Comments
 

Leave a Comment